Sport

Fiorentina, battuta d’arresto a Torino

Finalmente si gioca, si potrebbe affermare, allo Stadio Olimpico Grande Torino, con i padroni di casa rimaneggiati per alcune assenze, ed i viola con il consueto modulo del 4-3-3. Gli undici di partenza sono Terracciano, Odriozola, Quarta, Biraghi, Bonaventura, Torreira, Castrovilli, Callejon, Vlahovic, Gonzalez.

I viola partono contratti e sono in difficoltà dai primi minuti anche per la fisicità degli avversari. Si trovano a inseguire già al 19esimo con il vantaggio di Singo, il goal confermato dopo la visione al Var. Al 23′ ancora in goal i granata con Brekalo, la Fiorentina assiste inerme e senza reazione. Alla mezz’ora passaggio (incredibile quanto scellerato) all’indietro di Callejon intercettato da Brekalo che con Terracciano fuori dalla porta, realizza la doppietta personale e il terzo goal.

Un inizio shock. Incomprensibile e irriconoscibile la squadra gigliata, con un Torino concreto e solido che anticipa gli avversari e non lascia spazi. Nella ripresa, mister Italiano effettua i primi cambi per dare una scossa alla squadra, lasciano il campo Callejon e Quarta per Saponara e Igor. Gli ospiti trovano qualche spunto ma pochi tiri verso la porta.

Al 59′ arriva la quarta rete del Torino, ancora una disattenzione difensiva con Sanabria che salta il portiere e mette in rete. La gara per i viola non porta speranze di rimonta, il mister effettua tutte le sostituzioni rimaste, prima con Kokorin e Maleh al posto di Vlahovic e Castrovilli, poi esordio in viola di Ikonè al posto di Gonzalez.

La gara si avvia al termine, senza situazioni particolari, il Torino controlla, la Fiorentina rassegnata sbaglia anche nei passaggi. Il triplice fischio finale mette fine ad una gara iniziata male e mai messa in discussione per la prova incolore dei viola.  Una sconfitta inaspettata con una prestazione insufficiente per tutti i reparti, con errori nei singoli e di squadra, difesa da incubo, centrocampo che non offre gioco e spesso in ritardo, l’ attacco inesistente mai pericoloso.

Una prestazione determinata da una squadra mai scesa in campo con un approccio mentale sbagliato, dove è mancata la personalità e la grinta che hanno portato anche in alcuni casi a ribaltare lo svantaggio (Sassuolo e Verona). Dopo sei risultati utili consecutivi, una brutta battuta d’arresto, forse la peggiore sconfitta, arrivata nel momento in cui si poteva fare un ulteriore salto di qualità per consolidare la classifica.

Da questo stop non previsto si deve fare tesoro degli errori commessi e tornare alla squadra che ha portato identità e gioco, a dimostrazione che un episodio non cancella un girone di andata oltre le aspettative. La pronta risposta potrà gia essere sul campo il prossimo giovedì con gli ottavi di Coppa Italia al Maradona di Napoli contro i partenopei, che avranno diverse defezioni (Insigne, Osimhen, Koulibaly, Mario Rui, Lozano, Zielinski), un ‘ottima occasione per reagire e tornare ad essere la Fiorentina ammirata ed applaudita.

Autore

Patrizia Iannicelli

Lascia un commento