Evidenza Sapori e Tradizioni

Un pranzo da topolini

Un gruppo di amici, ghiotti di formaggio più dei topolini, sabato scorso mi ha portato a Porretta, anzi ad essere precisi a Pavane, a un paio di chilometri dallo storico centro termale. Pavane è un grazioso paesino dove c’è il famoso Ponte della Venturina; è sulla via porrettana proprio dove qualche tempo fa è franato un tratto di strada che solo da poco è stata riaperta su una sola corsia.

Quando gli amici ghiottoni mi hanno detto che in questa località, sconosciuta ai più, c’è un ristorante dove si può degustare il meglio della produzione casearia italiana e francese, sinceramente sono rimasto un po’ dubbioso infatti, stranamente, in Italia un paese fra i più grandi produttori al mondo di formaggi è rarissimo trovare posti dove questi possono essere degustati con una scelta di qualità e varietà degne dei migliori ristoranti come è invece consuetudine dai cugini d’oltralpe.

Ebbene mi sbagliavo alla grande: fra la leggera nebbiolina che si alzava fra gli alberi dopo una nottata di pioggia è apparso un piccolo e grazioso ristorante sormontato da una insegna che la diceva lunga: CaciOsteria dei Due Ponti.

I titolari Mimmo Zummo e la moglie Betty ci hanno coccolato come raramente succede. Betty in cucina è una maga nel preparare piatti molto particolari derivati dalla tradizione, mentre Mimmo, che fin da piccolo ha appreso l’arte del formaggio dai genitori che ne erano anche produttori, ci tentava con un assortimento di formaggi eccezionali in un  excursus di degustazione, dalle terre italiane e francesi fino in Normandia dove il formaggio ha il profumo amaro dell’Atlantico.

Lo abbiamo seguito proprio come i topolini seguivano il pifferaio magico. E’ stato un viaggio lungo e faticoso, per nostra fortuna però confortati da alcune bottiglie di vino adeguato ai vari formaggi esaminati. Ogni altro commento sarebbe superfluo e non adeguato al livello della degustazione. Solo un suggerimento: per tutti coloro che avendo nel dna qualche gene di topolino e ama i formaggi, beh una puntatina alla CaciOsteria dei Due Ponti è un pellegrinaggio doveroso.

Autore

Adolfo Galli

Adolfo Galli

Lascia un commento