Altre Notizie Ciclismo

Prima uscita ufficiale da Basso Bikes

Prima uscita ufficiale per le ragazze dell’U.C.I. Women’s Continental Team Vaiano, ospiti di Basso Bikes, l’eccellenza italiana delle biciclette da corsa. Le atlete di patron Stefano Giugni, accompagnate dai direttori sportivi Paolo Baldi e Matteo Ferrari, hanno partecipato alla cena di gala organizzata dalla nota azienda di San Zenone degli Ezzelini (TV). Rasa Leleivyte e compagne hanno poi scoperto tutti i segreti di Basso Bikes e del nuovo gioiellino che le accompagnerà sulle strade del grande ciclismo nazionale ed internazionale: la Diamante SV.

Se il diamante è un esempio di perfezione, Diamante SV (Super Veloce) merita il suo nome in quanto racchiude tutta l’esperienza che il marchio Basso ha accumulato in oltre 40 anni di realizzazione manuale di telai da corsa. Nel creare straordinarie opere di ingegneria, che sono meravigliosamente funzionali e belle dal punto di vista funzionale, la SV diventa il gioiello della linea Basso. La SV è la bici da corsa degli amanti della competizione in quanto si sforza di offrire agli atleti la migliore e più  efficiente esperienza di guida in termini di maneggevolezza, reattività, efficienza aerodinamica, efficienza strutturale e affidabilità per garantire le più alte prestazioni.

Rasa Leleivyte (Basso Bikes Vaiano )

Ogni elemento della SV è stato meticolosamente studiato per garantire il meglio in termini di design aerodinamico, costruzione reattiva ed efficiente e geometria pronta per la gara. Le forme dei tubi SV sono progettate non solo tenendo in considerazione l’integrità strutturale e la costruzione efficiente che traduce ogni watt dell’energia dei ciclisti in movimento in avanti, ma si concentrano anche sulla penetrazione aerodinamica per le prestazioni in situazione reale.

Di conseguenza, Diamante SV non è solo uno dei telai strutturalmente più efficienti disponibili, ma è in grado di ridurre la resistenza al vento grazie al suo design a coda di rondine. SV significa fantastico trasferimento di potenza oltre alla minore energia richiesta per superare la resistenza al vento.

La velocità estrema deriva da una combinazione di grande maneggevolezza, prestazioni aerodinamiche ed efficiente trasferimento di potenza. Il movimento centrale sovradimensionato si abbina al grande tubo obliquo e ai foderi rigidi per consentire al Diamante SV di trasferire ogni watt dell’energia in movimento in avanti. Mentre la struttura efficiente aiuta nel trasferimento ottimale della potenza, si combina anche con la geometria meticolosamente studiata di Basso per garantire una qualità di guida unica.

Autore

Redazione

Redazione

Lascia un commento