Contromano

Buon viaggio Befana, ma attenta!

La Befana ha portato via con se quei pochi  giorni che gli  italiani che lavorano si erano tenuti cari , quantomeno per dimenticare per un po’ le grane, i problemi e le incognite che il governo italiano, quello europeo, americano e tutti i politici del mondo hanno in serbo per il 2020.

Non chiedevano molto gli italiani,  solo un po’ di oblio per riprendere le forze dopo gli stress a cui erano stati sottoposti nel 2019.  Briciole vitali per il fisico e l’anima.  On the road again cantavano tanti anni fa i Credence Clearwater Revival. On the road e le parole sono proprio azzeccate sulla strada, o meglio, in mezzo di strada.

Per almeno dieci giorni c’è chi non ha voluto nemmeno guardare i telegiornali e rifuggendo la lettura dei giornali (escluso Prato Magazine, naturalmente!). I problemi si intravedevano in tutta la loro gravità e il ritorno al lavoro  incuteva timore.

Le incongruenze di un Governo incapace, che ora che c’è da fare sul serio dimostra tutta l’ignoranza dei suoi rappresentanti. Partiti che si sfaldano ma che restano aggrappati morbosamente al potere, un Presidente della Repubblica che tace, non si capisce bene aspettando cosa. Un Papa che con un gesto di stizza ha perso la sua aureola di santità e qualcuno si è ricordato la sua origine di Gesuita.

Un Paese vicinissimo all’Italia dove i Turchi da noi scacciati nel 1911 stanno riprendendo il potere. Un Paese come l’Iran che si approfitta del suo legame con la Cina per organizzare il terrorismo. Giovani e meno giovani cretini che pensano solo a bere e chattare, si drogano, uccidono con indifferenza.

In molti avremmo voluto attaccarci alla lacera sottana della Befana un po’ per trattenerla e un po’ per farsi portare via lontano da tutti questi affanni. Ma la vecchia strega se ne è andata lasciandoci di nuovo on the road… Peccato.  Speriamo che abbia almeno la possibilità di tornare l’anno prossimo, con tutti questi droni  in circolazione nel cielo non si sa mai! Buon viaggio Befana, ma  attenta !

Autore

Adolfo Galli

Adolfo Galli

Lascia un commento