Dragons, incontro da incorniciare (a parte l’inizio)

di Redazione

dragons-191202-001L’ennesima partenza dei Dragons con il freno a mano tirato, aveva subito messo in apprensione il pubblico delle Toscanini, invero non proprio gremite come nelle grandi occasioni. I Dragons non si svegliavano da torpore neppure dopo il pronto timeout chiesto da coach Pinelli, costretto ancora a far a meno del bomber Fontani e con Pinna recuperato in extremis.

Prato scivolava dal 3 a 9 grazie ad un gioco da 3 punti di Staino, fino a 7 a 20. Punti sul vivo dalla verve giovanile dei labronici, che con i millennial Bechi, Onojaife e Bellavista erano partiti a tutto gas, i lanieri rispondevano alla grande e con Goretti e Navicelli, ancora un gioco da 3 punti di Smecca e le triple di Danesi e Staino, chiudevano il primo quarto sul 18 a 22, tenendo aperto un parziale che continuava nei primi minuti del secondo tempino, tripla di capitan Staino e jump di Taiti, e che serviva a mettere per la prima volta la testa avanti.

Dopo un batti e ribatti guidato dal nazionale estone Kuuba, al quale rispondevano a turno gli interni rossoblu Pinna, Taiti e Goretti, i padroni di casa allungavano decisamente con le conclusioni dai 6,75, due di Danesi, una di Smecca. Dopo la paura iniziale si andava all’intervallo su un incoraggiante 40 a 30.

La reazione dei labronici nella ripresa era sterile, perché a Bechi, rispondevano con le triple Pinna, Staino (top scorer con 16 punti) e Taiti. I Dragons arrivavano al più 16 con Goretti prima che una tripla di Ense mandasse all’ultimo intervallo Prato avanti 58 a 46.

I lanieri non abbassavano la guardia con Pinna e Goretti scatenati mettevano il risultato in ghiaccio al 35’ (72 a 52) e con Navicelli dalla linea della carità e due triple consecutive di Smecca raggiungevano il più 26 del massimo vantaggio.In garbage time c’era ancora il tempo di un bel canestri dell’Under Pacini mentre il colored Onojaife,16 rimbalzi per l’ottimo prospetto della Nazionale giovanile italiana, rendeva meno penalizzante il gap (82 a 63).

Dopo la paura iniziale, serata da incorniciare per i Dragons con una bella prova di squadra e con un eccezionale 52% dall’arco. Difficile scegliere anche l’MVP del match. Alla fine optiamo per la divisione dei meriti fra Niccolò Goretti, (nella foto di D. Bettazzi) alla prima doppia doppia per punti e rimbalzi in Gold, e Alberto Smecca per la difesa, le triple e soprattutto per gli 8 assist ed il +31 di plus/minus.


Dragonns Prato – Don Bosco Livorno 82-63 (18-22, 40-30, 58-46). Dragons Prato: Danesi 9, Saccenti, Staino 16, Navicelli 4, Fontani NE, Zardo, Pacini 2, Smecca 12 Goretti 12,  Pinna 15, Manfredini, Taiti 12; Allenatore Pinelli, assistenti Fusi e Parretti. Livorno: Mori S. 2, Mori A. 2, Bellavista 6, Creati 1, Onojaife 10, Ense 10, Mencherini 5, Bechi 21, Kuuba 4, Mazzantini, Lazzerini NE, Paoli NE; Allenatore Aprea. Arbitri: Biancalana di San Giuliano terme e Zanzarella di Siena.

Commenta l'articolo