Dove non c’è regola non ci stanno frati

di Adolfo Galli

Un vecchio detto recita così, facendo riferimento alla regola di San Benedetto che di fatto istituì il primo ordine monacale più di mille anni fa. Il proverbio però è genericamente esteso a tutte le situazioni in cui non vi sia chiarezza, ordine, regole precise di comportamento. Come spesso accade la saggezza popolare che deriva da secoli di esperienze ha ragioni da vendere ed è difficile da contestare.

frati-191008-001 ●Ieri un giudice ha rimandato liberi una dozzina di presunti delinquenti camorristi perché le prove accusatorie  a loro carico, certe ed inequivocabili,  derivavano da una intercettazione non specificatamente autorizzata. Così i malfattori sono usciti assolti per non aver commesso il fatto e in paese gli amici e i parenti camorristi hanno festeggiato addirittura con fuochi d’artificio.

Lo stesso giorno, c’è mancato poco che il Brusca, quel nobiluomo che fece saltare in aria Falcone e che sciolse con l’acido un bambino innocente fosse rimesso in libertà per buona condotta! I nuovi negrieri che fanno la tratta degli schiavi nel Mediterraneo  sono liberi di agire indisturbati, anzi sono aiutati e benedetti da fantomatiche ONG e magari  ricevono anche gli assegni di cittadinanza come qualche ex brigatista rosso sta cercando di ottenere.

E’ da questo tipo di cittadini che il governo pensa di recuperare  quei sette  miliardi di euro di evasione fiscale necessari a fare la legge di bilancio? La lotta all’evasione viene ripresentata come di primaria importanza, ma chi sono gli evasori a cui si darà la caccia? Ai negrieri  mafiosi che fanno la spola nel Mediterraneo ? Saranno gli spacciatori di droga e le prostitute a emettere gli scontrini fiscali ? I politici e i funzionari corrotti emetteranno fattura per le tangenti ricevute? Con Iva o in esenzione perché prestazioni saltuarie? Le bustarelle, la droga e le puttane saranno pagati con il bancomat ?

Domande lecite  nel caos che regna sovrano nel  Paese. Chissà se arriverà  un altro San Benedetto con una nuova regola oppure, alla fine i fratres saranno costretti, a malincuore, a lasciarlo questo Bel Paese? E forse non saranno nemmeno rimpianti perché ci sarà chi, pagando tangenti, arriverà a prendere il loro posto.

Commenta l'articolo