Rachele Bruni, bronzo mondiale e pass per Tokio 2020

di Roberto Nardi

L’azzurra Rachele Bruni ha conquistato la medaglia di bronzo nella 10 chilometri di fondo femminile ai Mondiali di nuoto di Gwangju, in Corea del Sud. All’Expo Ocean Park di Yeosu, l’atleta nata a Comeana (Carmignano), argento olimpico a Rio sulla stessa distanza, ha ottenuto anche la qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

nuoto-190714-001

L’oro nella prova iridata svoltasi è andato alla cinese Xin Xin, che con il tempo di 1’54’47”2 ha preceduto di nemmeno un secondo la statunitense Haley Anderson e di poco meno di tre l’azzurra.

Per Rachele Bruni, vice campionessa olimpica in carica, tesserata per Esercito e Aurelia Nuoto ed allenata dal tecnico federale Fabrizio Antonelli, è la prima medaglia iridata individuale della carriera dopo il bronzo a squadre colto al Lago Balaton nel 2017.
«Finalmente la medaglia ai mondiali – commenta Rachele Bruni – Gli ultimi 200 metri sono stati una battaglia, con tante atlete imbottigliate. E’ dal 2011 che provavo a salire sul podio iridato e sono felice di esserci riuscita e di poter difendere l’argento olimpico e dare l’assalto all’oro. A Tokyo infatti me la voglio giocare fino in fondo e l’obiettivo sarà la medaglia d’oro».

Roberto Nardi

Nato a Prato nel 1958, lavora come dipendente presso un'industria tessile. Da una decina di anni ha realizzato un sogno rimasto nel cassetto, quello di scrivere e raccontare le vicende dello sport pratese che segue con passione fin da ragazzo. E' presidente di una società sportiva amatoriale.


Visualizza gli altri articoli di Roberto Nardi

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...