A Pitti Filati i festeggiamenti per il 10° anno di Feel the Yarn

di Redazione

FIRENZE – Per il Consorzio Promozione Filati (CPF) questa 85a edizione di Pitti Filati è una fiera speciale: coincide infatti con il decimo anno del Progetto Feel the Yarn, ricorrenza che il consorzio vuole celebrare al meglio.

cpf-100624-001I vincitori di questa decima edizione emergeranno venerdì 28, ultimo giorno della fiera, individuati come sempre dai voti sia di una giuria composta da organizzatori, esperti e importanti aziende del settore, sia dei visitatori di Pitti Filati. I capi realizzati dagli studenti saranno infatti come di consueto esposti in fiera e tutti i visitatori potranno esprimere il loro voto. Il premio Feel the Yarn 2019 consiste in una borsa di studio, del valore di 5.000 euro, come contributo per la partecipazione al Master Creative Knitwear Designer, organizzato da Modateca Deanna e Accademia di Costume e Moda.

Come a ribadire la straordinarietà di questa edizione, si allarga il numero e il valore dei brand che attingono a Feel the Yarn per selezionare uno tra gli studenti partecipanti per una internship retribuita nei loro uffici stile: Fabiana Filippi, Liu Jo e JNBY di Hangzhou (Cina) faranno infatti parte della giuria e premieranno uno studente ciascuno, aggiungendosi agli ormai consueti premi consegnati da importanti aziende del settore come Suedwolle Group Italia e Trafi.

La voglia di celebrare il decennale di Feel the Yarn si è tradotta anche in una festa che CPF ha organizzato e che si terrà presso le Serre Torrigiani, su invito, la sera del 26 giugno, a chiusura della prima giornata di Pitti Filati: un’occasione per incontrare la clientela in un contesto più amichevole e personale di quello della fiera. A partire dalla prima settimana di settembre partirà poi la tournée delle filature di Feel the Yarn all’estero per rinnovare e arricchire il rapporto con alcuni mercati ormai strategici: Parigi e Shenzhen, e poi a ottobre Tokyo e infine Seoul, saranno la meta di questi appuntamenti con l’eccellenza italiana della filatura e della maglieria.

Ma Feel the Yarn è anche solidarietà: si consolida quest’anno il rapporto, già avviato nel 2018, con AMI. La Fondazione AMI Prato onlus è nata nel 2010 per iniziativa della ASL e di altri soggetti del territorio per raccogliere fondi per l’accoglienza delle future madri, dei neonati e dei bambini in ospedale e sul territorio; inoltre, per convogliare donazioni verso il potenziamento delle attrezzature sanitarie per la maternità e l’infanzia.

Fra le principali attività di AMI c’è il progetto Prama, pensato per gli 800 bambini e ragazzi pratesi che hanno disabilità e che potranno avvalersi dei servizi previsti dal progetto di ristrutturazione della palazzina AVIS in sant’Orsola. Lo scorso aprile il progetto di AMI ha ottenuto da parte del Comune di Prato l’autorizzazione a costruire e CPF si è assunto l’impegno di coprire i costi necessari alla realizzazione dell’area multisensoriale, uno spazio dedicato all’attività teatrale.

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...