Passa il Giro d’Italia

di Roberto Nardi

Una bici da corsa in ferro, alta 3,40 metri e lunga 5,40 metri, verniciata di rosa, per salutare la carovana del giro d’Italia a Usella

Una bici da corsa in ferro, alta 3,40 metri e lunga 5,40 metri, verniciata di rosa, per salutare la carovana del giro d’Italia a Usella

Nel fine settimana parte il Giro d’Italia numero 102. La corsa rosa torna in Toscana e di passaggio da Prato. Domenica 12 maggio la seconda tappa con partenza da Bologna e arrivo a Fucecchio, attraverserà Prato e la sua provincia. La corsa entrerà in Toscana una volta superata Castiglion dei Pepoli ed il Gran Premio della Montagna in località La Serra dopo 50 chilometri. Da Montepiano la tappa percorrerà la Val Bisenzio attraverso Vernio e Vaiano, quindi l’ingresso in città con la corsa che passerà dal centro storico (Piazza Mercatale e Piazza San Marco) per poi sfilare verso Campi Bisenzio.

La tappa prosegue con una serie di salite e discese di diversa difficoltà tra le quali va segnalato l’ascesa del Montalbano dal versante empolese di Castra e il S. Baronto, mete e percorsi dei tanti appassionati di ciclismo. Chilometri finali con molti curve e saliscendi fino all’arrivo di Fucecchio. Lunedì la terza tappa con partenza da Vinci nel ricordo dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci e arrivo a Orbetello. La Toscana è una delle culle italiane del ciclismo e saranno tantissimi gli appassionati sul percorso dove sono state organizzate varie manifestazioni.

A Usella la Fiera della Carovana, nell’area del campo sportivo,  dove verrà disegnata  un enorme bicicletta rosa  su un’area di 200 metri quadrati,  si aprirà alle 9 di mattina (fino alle 18) con attività sportive per tutti i gusti e per tutte le età: dal basket al rugby, dal tennis al kung-fu, dal volley al triathlon e ci saranno tutte le squadre di calcio della Vallata. Evento clou la Battaglia Pink a mezzogiorno con i partecipanti armati di munizioni di polvere rosa (atossiche e lavabili con acqua). E poi danze popolari, prodotti tipici e cibi del territorio nell’area ristoro (attiva dalle 11 alle 18) che sarà gestita dalle Pro loco di Carmignanello e Gavigno con la Vab. Protagonisti gli Zuccherini in maglia rosa, creati per l’occasione dai pasticceri della Vallata. La Carovana del Giro si fermerà verso le 12,30 (per circa 20 minuti) proponendo iniziative di animazione e la distribuzione di gadget. L’area della manifestazione (via Coppi e Bartali e laterali) sarà chiusa al traffico dalle 14 di sabato 11 maggio fino alle 20 di domenica 12 maggio. Da non perdere lo spettacolo della carovana pubblicitaria, che transiterà lungo la tappa circa un’ora prima dei corridori e farà tappa anche in piazza Mercatale.

La carovana che precede il Giro d'Italia

La carovana che precede il Giro d’Italia

Dando uno sguardo a ritroso nelle oltre cento edizioni il Giro passò da Prato nella prima edizione del 1909 con la tappa da Firenze a Genova. Il primo arrivo fu invece, il 19 giugno 1946 con la Montecatini-Prato e da Prato prese il via anche la successiva tappa con traguardo a Bologna. Due giorni con il Giro anche nel 1947 con la Reggio Emilia-Prato e la Prato-Bagni di Casciana vinta dal corridore pratese Luciano Maggini. Nuovo arrivo il 2 maggio 1967 con la frazione La Spezia-Prato. Nel ’78 la partenza della quinta tappa che portò i corridori a Cattolica. Grande finale invece nel 1989. A Prato l’arrivo della penultima tappa vinta per distacco da Gianni Bugno e partenza della frazione conclusiva a cronometro con arrivo al Piazzale Michelangelo a Firenze che vide il successo del francese Fignon.

Nel 1991 altro arrivo con la Città di Castello-Prato vinta dall’attuale commissario tecnico azzurro Davide Cassani e partenza il giorno dopo per Felino. Nel 1996 la tappa Arezzo-Prato fu vinta da Massi e nuova partenza il giorno successivo per Marina di Massa. L’ultimo arrivo del Giro a Prato nel 2000 con la tappa proveniente da Corinaldo nelle Marche e la vittoria di Axel Merckx, figlio del grande Eddy, mentre solo 24 ore dopo prese il via la Prato-Abetone vinta dal fiorentino Francesco Casagrande. Infine gli ultimi due passaggi del Giro prima di domenica prossima. Il 20 maggio 2003 con la tappa Montecatini Terme- Faenza e nel maggio di tre anni fa in occasione della tappa Campi Bisenzio-Sestola. Domenica 12 maggio alle ore 12 da Usella e diretta a Fucecchio partirà la prima tappa della seconda edizione del Giro-E, protagoniste le bici elettriche con 80 partecipanti e dieci squadre.

Roberto Nardi

Nato a Prato nel 1958, lavora come dipendente presso un'industria tessile. Da una decina di anni ha realizzato un sogno rimasto nel cassetto, quello di scrivere e raccontare le vicende dello sport pratese che segue con passione fin da ragazzo. E' presidente di una società sportiva amatoriale.


Visualizza gli altri articoli di Roberto Nardi

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...