Curcio (Lega): «Prato è sotto attacco di banditi e malviventi»

di Redazione

«Sono assolutamente certo che il ministro Salvini abbia ben presente la situazione di Prato: siamo una città sotto attacco. Per questo è necessario un radicale cambio di rotta con la Lega alla guida del Comune» afferma Marco Curcio, 33 anni, militare paracadutista della Folgore, candidato del partito di Salvini alle prossime elezioni del 26 maggio al Comune di Prato.

Marco Curcio

Marco Curcio

«Tutti i giorni banditi e malviventi di ogni genere prendono di mira persone, case, cose e negozi senza alcun riguardo. Spesso molti cittadini e commercianti sono costretti a installare allarmi sofisticati, utilizzare sistemi di videosorveglianza propri, aggiungere inferriate alle finestre, potenziare le porte blindate. Gli episodi di criminalità sono troppi: so cosa significa, perchè io stesso ho fatto parte dei militari che hanno contribuito a rendere Prato più sicura» puntualizza Curcio.

«Serve un maggiore presidio del territorio da parte di Polizia e Carabinieri, e serve inasprire le leggi nazionali, come ha fatto Salvini col ‘Decreto Sicurezza’: pene severe e pene certe per chi delinque, per non vanificare il lavoro di prevenzione e controllo delle Forze dell’ordine. Perchè no, ricorrere di nuovo, eccezionalmente, anche all’operazione Strade Sicure con la presenza dell’Esercito».

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...