Carabinieri: Il Comando Provinciale apre le porte gli alunni della Santa Gonda

di Redazione

Il Comando Provinciale Carabinieri di Prato, nell’ambito delle iniziative finalizzate a promuovere la Cultura della legalità in favore degli alunni delle scuole della provincia, ha programmato delle visite da parte degli studenti presso la sede di Mezzana. In particolare, nella mattinata odierna, altri 50 alunni della Scuola Elementare Santa Gonda, come hanno fatto i loro compagni la scorsa settimana, hanno visitato la sede della locale Compagnia.

carabinieriprato-190515-001 ●La scolaresca è stata accolta all’interno della Caserma insieme ad altri militari in servizio. Nel corso della visita guidata tra i vari uffici e reparti della sede gli studenti hanno visto un filmato e gli è stato illustrato la struttura ed i compiti attribuiti all’Arma dei Carabinieri. Gli alunni hanno visitato alcuni locali della Caserma, tra cui gli uffici della Stazione Carabinieri, così da poter comprendere quali possano essere i momenti e i motivi di incontro del cittadino con i Carabinieri. Nel piazzale antistante la Caserma, hanno poi incontrato i militari dell’Aliquota Radiomobile, deputati prioritariamente alle attività di pronto intervento, i quali hanno mostrato una serie di autoveicoli in uso e gli equipaggiamenti in dotazione.

Ciò ha suscitato molto interesse nei bambini, i quali hanno avuto la possibilità di vedere da vicino le Gazzelle dei Carabinieri quotidianamente impegnate nel controllo del territorio e costantemente in comunicazione con le Centrali Operative dei singoli Comandi Compagnia, di modo da poter soddisfare le numerose richieste di intervento delle cittadinanza al Numero Unico di Emergenza 112. La visita si è conclusa con la simulazione delle operazioni compiute dai Carabinieri del Nucleo Investigativo nei casi in cui procedono a portare in caserma una persona da sottoporre a controllo, mostrando loro lo scanner per la rilevazione delle impronte digitali e l’apparecchiatura per il foto segnalamento e la rilevazione dei dati biometrici.

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...