Chiaroscuro Caffè, il locale del futuro che ama l’ambiente!

di Silvia Forzini

Chiaroscuro Caffè, il bar che si trova a Prato in via Santa Trinita 7, ha optato per un nuovo format di locale: rispetto per gli animali ed alimentazione salutare sono le parole d’ordine. A ciò si aggiungono degli interessanti propositi, infatti, il locale nasce come negozio del futuro, capace di teletrasportarci in un futuro migliori, dove prevalgono prodotti freschi e non manipolati.

chiaroscurocaffe-190410-001Ecco che in un contesto del genere, estratti di frutta e verdura, prodotti Bio, attenzione agli zuccheri ed al glutine, pane di grano antico, thé di ogni provenienza e caffè particolari, sono i punti cardine di un viaggio degustativo salutare. Coerentemente a questo principio, da Chiaroscuro sono banditi gli alcolici, la carne ed il pesce: La formula è rispettare il cibo, fonte di energia per il corpo e la mente, e veicolo meraviglioso che permette all’anima di fare esperienza nel mondo terreno.

Lo scorso 8 aprile il bar pratese, nel contesto del compimento dei suoi 2 anni di attività, ha deciso di affiancare alle sue materie prime un preciso modo per consumarle e trasportarle, in nome del rispetto del pianeta. PLA è il nome del materiale di cui sono fatti i suoi bicchieri, tappi e cannucce.

Si tratta dell’acido polilattico, un polimero derivato da piante come il mais e barbabietola di grano ricche di zucchero (destrosio). Questa sostanza è amica dell’ambiente perchè prodotta con risorse naturali e rinnovabili ed una volta utilizzata, si decompone in 8-12 settimane.

«Dovremmo smetterla di demolire il pianeta perchè esso è la casa in cui abitiano. E’ lui che ci fornisce aria, acqua, sole e cibo. Dobbiamo impegnarci per ritrovare l’armonia, sinonimo di benessere e allegria, quella vera, non quella provocata dai fumi dell’alcol» è questo il pensiero del titolare di Chiaroscuro Caffè.

Non solo, a questo scopo il proprietario del locale vuole essere di buon esempio e per introdurci nel rispetto ambientale lancia questa scommessa: Invece di buttare nei cestini della città il vostro bicchiere vuoto di PLA, riportatelo a Chiaroscuro e lui stesso vi restituirà 20 centesimi per poi buttarlo nell’organico!

Silvia Forzini

Nata il 13 agosto del 1994, laureata in Scienze Politiche all'Università Cesare Alfieri di Firenze. Appassionata di politica e moda.


Visualizza gli altri articoli di Silvia Forzini

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...