Sala Banti: Il lato che lega, cinque storie di donne

di Redazione

larosadigerico-190315-001MONTEMURLO (Prato) – La rassegna La rosa di Gerico, promossa dall’assessorato alle pari opportunità del Comune di Montemurlo e dedicata a storie di rinascita, prosegue domenica 17 marzo alle ore 17 con l’inaugurazione in sala Banti (piazza della Libertà) della mostra Il lato che lega. In cinque a modo nostro.

Cinque artiste, Elena Bini, Diana Polo, Annalisa Fusilli, Diletta Lenzi e Manila Bennati, hanno unito le loro peculiarità artistiche per dare vita ad una mostra di grande impatto con lavori realizzati con tecniche diverse, pittura, scultura, tessitura e decorazione stoffa. Una mostra che racconta la storia di cinque donne, cinque artiste, unite nelle differenze. A presentare la mostra ci sarà l’artista Orlando Poggi.

Chi sono le cinque artiste – Elena Bini ha iniziato a dipingere all’ età di 16 anni ispirata e spronata dal padre artista. La sua tecnica è mista, colori acrilici, matite e stucco. Ama cambiare genere in base all’ ispirazione del momento. Annalisa Fusilli, ha conseguito la maturità d’ arte applicata al tessuto e si dedica con passione alla decorazione della seta, cotone e lino con l’ antica tecnica Jawanese del Batik, dipinge ad olio ed acrilico su tela. Manila Bennati, ha il diploma di figurinista, ha frequentato un corso di pittura alla scuola Leonardo Arti Mestieri a Prato e dipinge su tela con pastelli ad olio ed acrilico. Diletta Lenzi diplomata all’Accademia di Belle Arti, si dedica alla fusione tra pittura e scultura realizzando arazzi con tecniche antiche ed innovative tessendo con filati dalla seta a quelli effetti misti. Diana Polo, dalla pittura alla xilografia, dall’ incisione su materiale plastico alla creta, ha frequentato corsi di incisione presso la Scuola di arti grafiche Il Bisonte di Firenze, corsi di modellato al Liceo Artistico di Firenze e corsi di acquerello al Centro d’ Arte Martenot di Firenze.

Sala Banti (piazza della Libertà- Montemurlo) – Il lato che lega. In cinque a modo nostro – Fino al 31 marzo.

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...