Politeama Pratese: La Famiglia Addams

di Andrea Sarti

lafamigliaaddams-190301-001Direttamente da Parigi arriva una nuova produzione di Lorenzo Vitali: La Famiglia Addams. I personaggi creati da Charles Addams negli anni Trenta prendono vita per questa tournée italiana. A vestire i panni del capofamiglia è Gabriele Cirilli che interpreta Gomez, mentre Pamela Lacerenza è la gelida moglie Morticia. Rosy Messina e Alfredo Simeone vestono i panni rispettivamente di Mercoledì e Puglsley, i due figli. Completano il cast Umberto Noto (zio Fester), Claudia Campolongo (La nonna), Filippo Musenga (Lurch), Andrea Carli (Mal Beineke), Mary La Targia (Alice Beineke) e Giuseppe Orsilio (Lucas Beineke). A firmare la regia è Claudio Insegno. Musica e liriche sono di Andrew Lippa, il Libretto Marshall Brickman e Rick Elice

La famiglia Addams racconta una storia originale, che in realtà è l’incubo di ogni padre. In un’enorme e fatiscente villa di stile vittoriano, decisamente sinistra, vive una ricchissima famiglia: la Famiglia Addams, appunto. La primogenita Mercoledì, la principessa delle tenebre, è ormai diventata una piccola donna e come spesso accade in adolescenza, si è innamorata di un giovane ragazzo, dolce, intelligente, cresciuto in un’ordinaria famiglia rispettabile.

Spaventata dalla possibile reazione della madre, Mercoledì decide di confidarsi con il padre Gomez Addams che si vede costretto a fare una cosa che non ha mai fatto in vita sua: mantenere un segreto alla sua amatissima e fascinosissima moglie, Morticia. Tutto procede tranquillamente fino a quando improvvisamente qualcuno decide di imbastire una cena di gala per il fidanzato della giovane.

Sabato 9 marzo, ore 21:00, Turno A – Domenica 10 marzo, ore 16:00, Turno B – Teatro Politeama Pratese – Via G. Garibaldi 33, Prato (PO) – Tel. 0574603758 – info: politeamapratese.com. Biglietteria: dal martedì al sabato dalle 10:30 alle 12:30 e d alle 17:00 alle 19:00; mezz’ora prima dell’orario d’inizio dei singoli spettacoli. Giorno di chiusura: lunedì salvo spettacoli in programmazione.

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...