Per il PD venti freddi anche dall’Atlantico

di Andrea Sarti

Spirano venti poco propizi per il PD anche dagli Stati Uniti, dove il partito omonimo ha perso probabilmente la battaglia decisiva contro Trump, quella del Russiagate. Il partito che si è reso odioso agli americani quanto e più che quello nostrano agli italiani, si è sentito dire dal Superprocuratore appositamente nominato da Camera e Senato di Capitol Hill che «il fatto non sussiste».

Donald Trump e Vladimir Putin

Donald Trump e Vladimir Putin

Il presidente è innocente, dell’hackeraggio delle elezioni del 2016 non c’é prova, i sogni democratici di ripetere l’impeachment con cui fu cacciato Nixon all’epoca del Watergate rimarranno nel cassetto. L’affaire si è dimostrato una trappola allestita ad arte prima da Obama, il presidente uscente, e poi dalla Clinton, la candidata alla sua successione. Non avevano fatto tuttavia i conti con un oste capace di vincere le libere elezioni senza vendere il suo paese ad una potenza straniera percepita ancora dall’americano medio come ostile ed inquietante, malgrado dalla fine della Guerra Fredda siano passati ormai 30 anni.

E adesso, poveri democratici? Adesso, conoscendo la mentalità americana, a qualcuno sarà presentato il conto, assai salato, delle spese del denaro dei contribuenti sperperato in questi due anni di maxi-indagine sul nulla. E da quelle parti lo sperpero di denaro pubblico è considerato peggior reato dell’omicidio.

L’altro conto sarà presentato verosimilmente alle successive elezioni presidenziali, l’anno prossimo. L’America ha ripreso a viaggiare spedita, la sua economia tira, ed il suo presidente sa quello che fa, con buona pace di cacciatori di scoop invecchiati come Bob Woodward, che morirà senza aver rivissuto i giorni gloriosi in cui abbatté un altro presidente insieme al collega Carl Bernstein.

Tira un vento freddo, artico, per i sogni della sinistra di fare di tutto il mondo una Capalbio, un Greewich Village. Fossimo nei democrats, ci augureremmo soltanto di non dover tornare a votare più.

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...