Una pennellata di colore per la Sla

di Redazione

aisla-190225-001MONTEMURLO (Prato) – Si è aperta ieri alla pasticceria Betti di Bagnolo (via Montalese) la mostra di pittura Una pennellata di colore per la Sla, la mostra voluta dall’artista Nadia Giacomelli in ricordo dell’amico Franco Biancalani affetto da Sla (una terribile malattia neurodegenerativa progressiva) e per sostenere le attività dell’associazione Aisla Prato, il punto di riferimento nella provincia per i malati di Sla e per le famiglie.

Un’iniziativa che ha trovato il sostegno entusiasta di tanti amici pittori, ben trentaquattro, che hanno donato le loro opere, e di Chiara Salimbeni, titolare della pasticceria Betti che ha messo a disposizione lo spazio espositivo. Per due settimane, fino al prossimo 10 marzo, dunque, insieme al caffè o allo spuntino si potrà contribuire concretamente alle attività dell’ Aisla Prato. I fondi ricavati dalla vendita dei quadri, infatti, andranno a finanziare le attività di sostegno psicologico domiciliare per i malati di Sla e le loro famiglie. L’associazione nell’area pratese segue attualmente ben venti malati.

Le opere rimaste invendute saranno assegnate come premio di una lotteria il prossimo 10 marzo. Hanno contribuito alla mostra tanti amici artisti tra i quali Cinzio Cavallarin, curatore, Franco Bertini (collezionista), Cristina Corradi Mello, Myriam Cappelletti, Giovanni Parrillo, Mauro Gazzara, Luciano Guasconi, Gianni Prologo e tantissimi altri. Hanno inoltre collaborato alla mostra la galleria Arte Vannucchi e il collezionista Carlo Palli.

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...