Oleum Nostrum: vince il Marchese Pancrazi della Tenuta di Bagnolo

di Andrea Sarti

Giuseppe Pancrazi alla cerimonia di premiazione

Giuseppe Pancrazi alla cerimonia di premiazione

MONTEMURLO (Prato) – L’olio extravergine d’oliva più buono della provincia di Prato è di Montemurlo ed è quello del Marchese Pancrazi della Tenuta di Bagnolo. A decretare il primato è stato Oleum nostrum, il concorso per il miglior olio extravergine di oliva del territorio promosso dalla Camera di Commercio di Prato e da tutti i Comuni del territorio, la cui premiazione si è svolta ieri, 14 febbraio.

Giuseppe Pancrazi ha accolto il premio con grande sorpresa: «Sono molto soddisfatto perché è la prima volta che seguo direttamente la produzione dell’olio e questo premio conferma la bontà del lavoro svolto. La passione per l’agricoltura mi è stata trasmessa da mio zio Vittorio, che fin da giovane ha cercato di continuare un’antica tradizione di famiglia».

Il vino alla tenuta di Bagnolo è arrivato solo negli anni Settanta del Novecento, mentre l’olio, rappresenta una produzione tipica e antica della fattoria. L’azienda agricola attualmente ha 3 mila piante (varietà leccino, moraiolo, pendolino, frantoiano) che crescono tutt’intorno alla cinquecentesca Villa Strozzi fino su al Monteferrato, mescolandosi talvolta ai filari delle vigne. La raccolta è fatta a mano in cassette. Le olive vengono frante la sera stesa della raccolta, consentendo all’olio di sprigionare spiccati profumi e quel tipico gusto pizzichino che contraddistingue l’olio toscano.

Chiunque volesse acquistare l’olio del Marchese Pancrazi può rivolgersi direttamente all’ azienda agricola di Bagnolo (Via Montalese 156), una buona occasione anche per scoprire un luogo fuori dal tempo.

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...