La città e le donazioni di ieri e di oggi

di Adolfo Galli

Prato - Villa del Palco

Prato – Villa del Palco

La scorsa settimana ho seguito le ragazze di Artemia nel loro peregrinare fra i luoghi e le cose belle e poco conosciute di Prato. Sabato, alla villa del Palco e domenica alla chiesa di San Fabiano annessa al Seminario. Turista straniero e ignorante nei luoghi che pensavo di ben conoscere ormai da una vita.

Alla villa del Palco, allora residenza del Vescovo Fiordelli, ci andavamo in bicicletta, da ragazzini, nei pomeriggi di sole a primavera, proseguendo verso il Rio Buti o per andare a fare merenda Alla Fontana dove, a volte, il vecchio proprietario ci friggeva i pesciolini che teneva nella vasca di marmo sotto la fontanella e ce li serviva nella carta gialla. In San Fabiano, invece, si andava al cinema Borsi a vedere i film di cowboy.

Fra le tante curiosità che ignoravo, ho invece appreso che la Villa del Palco era la residenza estiva, di villeggiatura appunto, di Francesco Datini e che questo l’aveva donata alla Chiesa e che il campanile di San Fabiano era stato costruito e donato da Baldo Magini. Il Magini aveva però donato al Comune anche dei cannoni per potenziare la difesa della città. Purtroppo, durante il sacco di Prato, quei cannoni non furono utilizzati perchè nessuno dei donatari aveva provveduto ad acquistare la polvere da sparo! Cose che succedevano anche 500 anni fa!

Dal passato, tornando ai nostri giorni e a proposito di donazioni, Gori sta ampliando e integrando la sua donazione alla città con altri importanti reperti della sua collezione privata per completare la mostra permanente su Giuseppe Verdi che sarà a breve allestita presso la sede della omonima scuola e oggi Casa della Musica“. Forse il Gori, conoscendo la storia di Baldo Magini, ha pensato bene di regalare anche la polvere da sparo per rendere pienamente efficace la mostra stessa.

Per nostra fortuna, oggi la città ha più bisogno di cultura musicale che di cannoni anche se, dovendo fare un paragone, forse è più facile combattere con un nemico in carne ed ossa che contro l’ignoranza.

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...