Fatai (Circolo Prato 2010): «Vogliamo mantenere il primo posto»

di Roberto Nardi

Fatai Adayemo (Circolo Prato 2010)

Fatai Adayemo (Circolo Prato 2010)

Riparte il campionato di A2 con la prima giornata di ritorno e il Circolo Prato 2010 impegnato a difendere il primato solitario. La squadra pratese, imbattuta nel girone di andata (cinque vittorie e due pareggi) riparte ospitando domenica alle ore 10:15 alla Palestra Le Badie (via Righi – Prato) il King Pong Roma, quinto in classifica con cinque punti ma che ha chiuso l’andata con il pareggio con il Cristofaro Bari e la vittoria nel derby con il Cral Comune di Roma.
«Il campionato di quest’ anno e’ quasi come un A1 – spiega il veterano Adayemo Fatai – mai visti cosi’ tanti giocatori forti e un livello medio cosi’ alto, chiudere l’andata al primo posto non e’ stato affatto semplice. Cagliari e Terni soni due squadre bene attrezzate. Dobbiamo mantenere alta la concentrazione per mantenere il primo posto. Siamo ormai la squadra da battere e sappiamo che i nostri avversari danno sempre il massimo contro di noi».
L’esperto giocatore nigeriano ammonisce a non sottovalutare gli avversari e con i compagni di squadra Azeez Jamiu e Lorenzo Ragni a giocare ogni partita come fosse una finale.
«I nostri avversari di domenica prossima sono molto pericolosi – puntualizza Fatai – il loro numero uno Gigi Rocca e’ stato campione italiano di 2 categoria nel 2016 ed e’ capace di qualsiasi impresa. Il nazionale juniores Giovannetti e’ imprevedibile e il mio connazionale nigeriano Yussouf ha iniziato a trovare fiducia. Siamo consapevoli di questo e ci siamo preparati al meglio».
La squadra guidata dal direttore tecnico Giorgio La Rocca durante la sosta ha partecipato alle finali di Coppa Italia dove ha ben figurato con squadre del massimo campionato, sfiorando la qualificazione alle semifinali.
«Non possiamo piu nasconderci – dice il dt pratese – dopo questa prima parte di campionato senza sconfitte, siamo la candidata per la promozione. Essere umili ogni partita da affrontare con grande concentrazione è la strategia giusta per arrivare all’obbiettivo e invitiamo tutti gli appassionati a seguirci».

Roberto Nardi

Nato a Prato nel 1958, lavora come dipendente presso un'industria tessile. Da una decina di anni ha realizzato un sogno rimasto nel cassetto, quello di scrivere e raccontare le vicende dello sport pratese che segue con passione fin da ragazzo. E' presidente di una società sportiva amatoriale.


Visualizza gli altri articoli di Roberto Nardi

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...