Al birrificio Badalà il terzo posto a Beer Attraction

di Redazione

Elena Mornati e Alberto Nannini

Elena Mornati e Alberto Nannini

MONTEMURLO (Prato) – Il birrificio Badalà di via Riva a Montemurlo anche quest’anno sale sul podio delle migliori birre italiane. Sabato 16 febbraio al concorso Birra dell’anno il birrificio di Bagnolo ha conquistato la medaglia di bronzo per la sua W.Ipa nella categoria dedicata alle birre chiare. Il concorso si svolge all’interno della manifestazione Beer Attraction, la più grande fiera sulla birra italiana che si tiene ogni anno a Rimini. Wi.Ipa è una birra luppolata, di ispirazione angloamericana, con uso di frumento e altri cereali.

«W.ipa, è una birra che facciamo già da tre anni ed è sempre stata una tra le più apprezzate e vendute, ma non l’avevamo mai iscritta al concorso prima di quest’anno. Questo premio, quindi, ci riempie di gioia e ci fa piacere poter festeggiare con chi apprezza le nostre produzioni» spiega Elena Mornati.

Birra dell’anno si svolge all’interno della manifestazione Beer Attraction (la più grande fiera sulla birra italiana che si tiene ogni anno a Rimini) e si tratta del principale concorso di birra artigianale italiana, con giudici che provengono da tutto il mondo. Allo stesso concorso lo scorso anno il birrificio Badalà vinse il primo premio con l’Épicé Ipa ed il terzo posto con la Storter.

Le birre iscritte al concorso quest’anno erano 1994 e 327 i birrifici partecipanti. Le categorie premiate, divise per tipologia, erano 41. La W.ipa infatti è una birra chiara con una parte di frumento, ed una luppolatura che le dà una leggera nota citrica e resinosa. La sua bassa gradazione (4,5% alc.) e la freschezza dei sapori le conferiscono bevibilità e scorrevolezza. La nota amara sul finale prepara la bocca al sorso successivo.

Commenta l'articolo