Refurtiva e 6 kg di marijuana nascosti in un capannone: arrestato cinese.

di Redazione

carabinierimontemurlo-190128-001MONTEMURLO (Prato) – I carabinieri della Tenenza di Montemurlo hanno arrestato un cinese 40enne ritenuto responsabile dei reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e ricettazione. I Carabinieri hanno scoperto un vero e proprio bazar di oggetti rubati e droga, stipati in un capannone alla periferia di Montemurlo.

Nell’ambito di un mirato servizio di polizia giudiziaria, al termine di un servizio di osservazione, i militari dell’Arma hanno fatto ingresso in un capannone nella zona di Montemurlo all’interno del quale, nascosta tra numerose bottiglie di vino pregiato, macchine da cucire e vestiti firmati di note marche di abbigliamento di lusso, tutte ritenute provento di furto, hanno rinvenuto oltre 6 kg di marijuana, suddivisa e contenuta in involucri di plastica nera. L’utilizzatore del deposito è stato quindi tratto in arresto e tradotto presso la casa circondariale della Dogaia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria pratese.

Leggi i commenti

  1. Mauro Lorenzini scrive:

    «Questo nuovo importante intervento dei Carabinieri dimostra che Montemurlo è un territorio presidiato dalle forze dell’ordine. Mi congratulo con il comandante Quintino Preite e con tutta la sua squadra per il prezioso lavoro d’ indagine, svolto nell’ombra con competenza , professionalità e senza clamori. Un impegno che sta dando ottimi risultati e contribuisce a rendere Montemurlo una cittadina sempre più sicura, dove l’illegalità non trova terreno fertile per attecchire. Oltre al lavoro svolto dalle forze dell’ordine, c’è bisogno della collaborazione dei cittadini e delle loro segnalazioni. Se si notano movimenti sospetti è sempre bene farlo presente alle forze dell’ordine. Meglio una segnalazione in più che l’indifferenza. I cittadini sono le sentinelle più importanti sul territorio e il loro contributo è prezioso».

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...