Prato C5 coinvolto in un incidente, tre giocatori feriti

di Roberto Nardi

pratoc5-190110-001Brutta avventura per la squadra del Prato C5 che di ritorno dalla trasferta di mercoledì 9 gennaio in Coppa Italia è stata coinvolta in un brutto incidente a poche decine di metri dalla caserma dei vigili del fuoco di Prato, in via Paronese, nella zona del Macrolotto uno. Sulla strada del rientro dal match nelle Marche col Cobà uno dei pulmini su cui viaggiava la squadra, forse per una distrazione del guidatore o per un colpo di sonno, erano da poco passate l’una di notte, ha attraversato una delle rotonde ed ha abbattuto un ulivo.

Ci sono stati momenti di grande paura per tutti. Due giocatori hanno dovuto passare la notte in ospedale a Prato e dovranno ora osservare qualche giorno di riposo, un terzo ha dovuto ricorrere alle cure mediche senza però dover essere trattenuto in ospedale. Si tratta di Samuele Solazzo e Manuel Scarinci. Niente di troppo grave nella diagnosi dei due sfortunati giocatori, che dovranno però osservare alcuni giorni di riposo. Solo contusioni e tanta paura per un terzo giocatore laniero che era a bordo del pulmino, Abdesslam Benlamrabet.

«Alla luce di quanto successo – si legge in una nota – abbiamo inoltre avviato dei contatti con la Società Ciampino Anni Nuovi, in particolare con il ds Federico Bontempi, per chiedere alla Divisione Calcio a 5 lo spostamento della gara di campionato in calendario per sabato. Con grande spirito sportivo il Ciampino ci è venuto incontro e siamo ora in attesa di riscontri ufficiali da parte della Divisione in merito alla richiesta che abbiamo presentato. Nel frattempo ringraziamo sentitamente tutta la Società Ciampino Anni Nuovi».

Roberto Nardi

Nato a Prato nel 1958, lavora come dipendente presso un'industria tessile. Da una decina di anni ha realizzato un sogno rimasto nel cassetto, quello di scrivere e raccontare le vicende dello sport pratese che segue con passione fin da ragazzo. E' presidente di una società sportiva amatoriale.


Visualizza gli altri articoli di Roberto Nardi

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...