Prato C5 vuol chiudere l’anno con la vittoria

di Roberto Nardi

pratoc5-181221-001

Dopo il colpaccio sul campo della capolista Lido di Ostia i biancazzurri vogliono chiudere il 2018 con un’altra vittoria. Sabato alle ore 16 arriva all’Estraforum il Cioli Ariccia che si trova al sesto posto con 12 punti. La squadra laniera vuol sfatare la maledizione dell’EstraForum, dove ancora il Prato non ha fatto punti.  Problemi di formazione con Benlamrabet che è stato squalificato per una giornata dopo il doppio giallo di sabato scorso.

E’ disponibile il portiere Pardal mentre solo in extremis si saprà se Everton e Pitondo potranno scendere in campo. Non al meglio ma pronto a stringere i denti bomber Berti, che non si è allenato tutta la settimana per una forte botta al quadricipite. Squalificato per una giornata anche uno dei due tecnici, mister Bini Conti.

La Cioli Ariccia è al completo, viene dalla grande vittoria di Montecatini ed ha in Raubo (14 centri) il capocannoniere del campionato. La squadra romana ha in rosa anche l’ex Augusta ed Arzignano Luciano. Arbitri del confronto il sig. Gandolfi di Parma e la sig.ra Salvatore di Gallarate; cronometrista: Vannucchi di Prato.

E’ iniziata intanto la seconda fase della Coppa Italia di serie A2. Il pareggio (1-1) nel match d’esordio ha deciso il calendario delle prossime due sfide del triangolare, col Prato che sabato 29 dicembre riceverà il Padova e mercoledì 9 gennaio sarà poi in casa del Cobà di Juanillo. Decima giornata (sabato 22 dicembre 2018): Atlante Grosseto-Olimpus Roma (ore 15), Prato-Cioli Ariccia (ore 16), Real Cefalù-Gisinti Montecatini (ore 15), Roma-Ciampino (ore 16,15), Tombesi Ortona-Lido di Ostia (ore 17), Virtus Aniene-Mirafin (ore 15).

Roberto Nardi

Nato a Prato nel 1958, lavora come dipendente presso un'industria tessile. Da una decina di anni ha realizzato un sogno rimasto nel cassetto, quello di scrivere e raccontare le vicende dello sport pratese che segue con passione fin da ragazzo. E' presidente di una società sportiva amatoriale.


Visualizza gli altri articoli di Roberto Nardi

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...