Annalisa Nocentini, la brillante carriera di una sindacalista pratese

di Silvia Forzini

Annalisa Nocentini si è diplomata all’istituto Francesco Datini di Prato e ha frequentato per due anni la facoltà di Economia e Commercio, scegliendo poi di non proseguire per dedicarsi all’attività lavorativa. Inizialmente è stata dipendente del Comune di Prato e successivamente ha iniziato a ricoprire cariche appartenenti al mondo dell’Uil (Unione Italiana del Lavoro): «Ho assunto il ruolo di Segretario Provinciale di Prato UIL Enti Locali, quello di Segretario Regionale Uil Enti Locali ed, infine, sono stata Segretario della Provincia di Lucca, sempre degli enti locali della Uil»

Annalisa Nocentini

Annalisa Nocentini

Non solo, quando la categoria Uil degli enti locali si è unita al settore sanitario, dando vita alla Uil Fpl, Annalisa ha assunto il ruolo di Segretario Provinciale Uil Fpl di Prato e poco dopo è stata eletta Segretario Generale della Camera Sindacale della Uil Prato.

Ad un certo punto della sua carriera la donna pratese decise di interrompere temporaneamente la sua attività sindacale per dedicarsi alla politica ed alla pubblica amministrazione. Divenne, infatti, assessore all’Innovazione presso il Comune di Prato e «All’epoca del mio mandato da assessore – ci dice la Nocentini – sono stata nominata Coordinatore degli assessori per l’Innovazione per Anci Toscana».

Terminata questa parentesi decise di tornare nel sindacato col ruolo di membro della Segreteria Generale della Uilp e dal 2017 è stata eletta Segretario Generale Uil Toscana, posizione riconfermata al congresso dello scorso 6 giugno. Notiamo che Annalisa si sente ed è una sindacalista, ama il suo lavoro e lo reputa come un’attività, seppur impegnativa, poliedrica, complessa e stimolante.

Questi aspetti le piacciono molto e sono in linea con la sua personalità: una donna che adora vivere, progettare e sperimentare, che non ama sedersi sugli allori ed aspettare che il tempo scorri. Inoltre, ama la sua città: «Prato la considero come un laboratorio, un luogo di sperimentazione di attività lavorative, professionali, umane, sociali ed economiche che ha pochi eguali. Peccato – aggiunge – che non sia abbastanza abile a veicolare ed a pubblicizzare le proprie peculiarità.

Prima che lavoratrice, aggiungeremo con una carriera di successo, Annalisa è donna e moglie, ciò ha fatto sì che abbia dovuto conciliare lavoro e vita privata. Fare ciò è talvolta complicato ed impegnativo, ma lei ha saputo trovare il giusto equilibrio «Mio marito, pur avendo una sua attività professionale, condivide il mio percorso e la mia attività ed è con questo spirito che siamo riusciti a conciliare i rispettivi impegni.

Realizzarsi a livello lavorativo non è semplice, entrano in gioco tanti fattori ma alcuni ingredienti risultano fondamentali: «Ambizione, un briciolo di personalità e determinazione. Infine – aggiunge Annalisa Nocentini – credo che si debba tirare avanti per la propria strada senza tentennamenti, ascoltando sì le critiche costruttive, ma senza lasciarsi influenzare troppo».

Silvia Forzini

Nata il 13 agosto del 1994, laureata in Scienze Politiche all'Università Cesare Alfieri di Firenze. Appassionata di politica e moda.


Visualizza gli altri articoli di Silvia Forzini

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...