E’ di moda il mio futuro, parte la 2a edizione

di Andrea Sarti

ctn-181026-001La seconda edizione di E’ di moda il mio futuro ha avuto il suo avvio ufficiale oggi a Prato e a Monsummano Terme con la firma di accordi di collaborazione fra Confindustria Toscana Nord e il mondo della scuola. Il presidente Giulio Grossi ha sottoscritto tre accordi bilaterali fra l’associazione e i dirigenti scolastici Erminio Serniotti per il Polo Tecnico Professionale Sistema Moda Prato/Firenze, Tiziano Pierucci per l’Ipsia Guglielmo Marconi di Prato e Graziano Magrini per l’Its Marchi-Forti di Pescia; anche l’Indirizzo Moda dell’Isis Sismondi-Pacinotti, sempre di Pescia, sottoscriverà in seguito un protocollo con gli stessi contenuti.  Analoghi i contenuti delle varie intese, che fanno riferimento alla collaborazione fra le imprese e le scuole nell’orientamento di giovani e giovanissimi verso le professioni del settore moda e, nel caso del Marconi, del meccanotessile.

Accanto al presidente Grossi anche il presidente della sezione Sistema moda di Confindustria Toscana Nord Andrea Cavicchi: è infatti nell’ambito della sezione che è nato nel 2017 E’ di moda il mio futuro, progetto che fra la prima edizione e lo “Speciale filiera” svoltosi la scorsa primavera ha registrato risultati particolarmente positivi.

«Ripartiamo avendo fatto tesoro dell’esperienza dello scorso anno da cui abbiamo avuto molte soddisfazioni, ma anche con l’ambizione di fare qualcosa di nuovo – commenta Andrea Cavicchi -. Sono rimasti i laboratori al Museo del tessuto per i ragazzi delle medie e la novità di quest’anno è l’estensione ai ragazzi delle superiori; anche i concorsi per i lavori più belli e originali usciti dai laboratori stessi marceranno in parallelo per i ragazzi più piccoli e più grandi. Riproponiamo le visite aziendali e gli incontri in associazione, che per i ragazzi di terza media e le loro famiglie avranno luogo già nella mattinata di domani sabato 27 ottobre nella sede di Prato. Un’altra novità interessante è la simulazione di un colloquio di lavoro, organizzato dal nostro sponsor GiGroup».

«Oggi – continua Cavicchi – sono stati sottoscritti anche importanti accordi. Uno con il Polo Tecnico professionale per la moda Prato/Firenze, un soggetto costituito a seguito di nuove norme regionali che incoraggiano le reti fra soggetti impegnati a vario titolo nella formazione; il Polo ha sede a Prato presso il Buzzi e ne fa parte anche Confindustria Toscana Nord oltre che tante scuole con cui collaboriamo. Il nostro obiettivo principale è far comprendere le opportunità offerte da un settore come la moda, che a Prato significa l’83% degli addetti totali del manifatturiero ma che ha anche il 37% dei lavoratori di oltre 50 anni e il 6,8% oltre i 60 anni. Non vogliamo però parlare solo di spazi occupazionali che si aprono ma anche di qualità del lavoro: portiamo i ragazzi nelle aziende perché si rendano conto che lavorare nel settore è sì impegnativo ma è anche bello e stimolante».

Sempre per la parte imprenditoriale era presente a Prato Marco Becheri, coordinatore del Gruppo Meccanotessili della sezione Metalmeccanica di Confindustria Toscana Nord: oltre all’accordo con il Polo tecnico professionale, infatti, a Prato è stato sottoscritto un secondo protocollo per l’alternanza scuola/lavoro nelle imprese del meccanotessile, coinvolgendo l’istituto Marconi. Sempre a Prato è stato presente alla presentazione del progetto anche il direttore del Centro per l’impiego Michele Del Campo, che ha fornito dati sul mercato del lavoro.

Andrea Cavicchi

Andrea Cavicchi

A Monsummano Terme è intervenuto, con Grossi e Cavicchi,  Federico Bartoli, coordinatore del Gruppo Cuoio e calzature della sezione Sistema moda; le iniziative per l’orientamento al settore, ben consolidate negli anni, sono infatti anch’esse confluite in E’ di moda il mio futuro. Presente inoltre la delegata di Confindustria Toscana Nord Cristiana Pasquinelli.

«Dopo una giornata di orientamento, prevista per il 13 di novembre, si dipanano le attività vere e proprie – ha dichiarato Federico Bartoli – Il programma prevede il concorso Fai le scarpe a…. e il laboratorio tecnico Occhio al difetto, realizzato in collaborazione con CEQ-Tecnotessile. Entrambe le iniziative, che si concludono nel mese di aprile, valgono ai fini dell’alternanza scuola/lavoro. Sono previste inoltre, il 22 novembre, visite aziendali per studenti di vari istituti della provincia. Ci piace enfatizzare il legame di E’ di moda il mio futuro, quanto al settore calzaturiero, con il territorio di Monsummano: il giorno 18 maggio concluderemo le iniziative con la camminata ludico motoria La Scarpata, che tanto successo riscosse due anni fa; ci saranno attività di animazione per il pubblico e sarà la sede in cui saranno premiati vincitori e partecipanti ai due concorsi. Vogliamo dimostrare che siamo un settore vivo e vitale, pronto a recepire gli sforzi di quanti, con una seria formazione e investimento su se stessi, vorranno impegnarsi nelle aziende del distretto. Alcune figure altamente qualificate mancano, noi speriamo in risposte dai nostri ragazzi».

Il valore economico e sociale di E’ di moda il mio futuro è stato colto dalle amministrazioni locali: hanno dato il loro patrocinio al progetto i Comuni di Prato e Monsummano Terme e le Province di Prato e Pistoia.

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...