Serie D, il campionato dei derby

di Roberto Nardi

Varati i calendari del campionato di serie D, dove è relegato il Prato dopo la retrocessione della scorsa stagione. Il girone E comprende tutte le toscane, ben diciasette formazioni del Granducato insieme a tre umbre in un campionato dei derby. Saranno sedici i derby in questo campionato che terminerà domenica 5 maggio. Bastia, Cannara, Trestina, Aglianese, Aquila Montevarchi, Gavorrano, Ghivizzano B., Massese, Pianese, Ponsacco, Prato, Real Forte Querceta, S.Donato Tavarnelle, S.Gimignano, Sangiovannese, Scandicci, Seravezza Pozzi, Sinalunghese, Tuttocuoio, Viareggio, saranno le venti protagoniste.

acprato-180906-001Il Prato nella prima giornata esordirà in casa con la Sangiovannese domenica 16 settembre. Nella seconda giornata la sfida con il San Donato Tavarnelle e poi il match in casa (mercoledi 26 settembre) contro il Real Forte Querceta e il 30 settembre si va in Umbria e precisamente a Bastia per poi affrontare il derby con l’Aglianese (che aveva superato i biancazzurri in Coppa per 2-0) in casa. Alla sesta Massese e poi Pianese. Si rigioca il mercoledi 24 ottobre e c’è il match tra deluse con il Gavorrano (entrambe lo scorso anno in serie C). Poi Scandicci e la sfida con il Viareggio alla decima. Si prosegue in casa con il Ghivizzano Borgoamozzano, Serravezza, Aquila Montevarchi e Tuttocuoio. Nelle ultime cinque giornate Sinalunghese, Ponsacco, Cannara, Trestina e San Gimignano.

Questo il programma dei (tanti) turni infrasettimanali della stagione: Girone d’Andata 26 settembre, 24 ottobre, 14 novembre, 12 dicembre; Girone di Ritorno: 16 gennaio, 13 febbraio, 18 aprile (Pasqua). In pratica un turno infrasettimanale al mese, o quasi. Questi invece gli orari: dal 2 settembre ore 15, dal 28 ottobre 2018 ore 14:30, dal 31 marzo ore 15. Di fatto restano solo due le domeniche di sosta: il 30 dicembre per le Festività Natalizie e il 10 marzo per il Torneo di Viareggio. L’attesa prima del fischio d’inizio è per mercoledì 12 settembre quando il Tar della Toscana dovrebbe dare il giudizio di merito sul ricorso del Prato riguardo all’indisponibilità dello stadio Lungobisenzio.

In caso di rigetto del ricorso il Prato giocherà definitivamente la serie D e con molto probabilità tutte le squadre del settore giovanile verranno sciolte ad esclusione degli juniores nazionali. mentre se dovesse arrivare un esito positivo, il Prato potrà ricorrere al Tar del Lazio per essere ripescato e quindi riammesso in serie C con la continuazione del settore giovanile e la possibilità di costruire una squadra ex novo. Una situazione di attesa dove nessuno parla, mentre il tecnico Simone Settesoldi sta guidando una formazione molto giovane composta da ragazzi nati nel 1999 e 2000 e pochi giocatori di esperienza.

Roberto Nardi

Nato a Prato nel 1958, lavora come dipendente presso un'industria tessile. Da una decina di anni ha realizzato un sogno rimasto nel cassetto, quello di scrivere e raccontare le vicende dello sport pratese che segue con passione fin da ragazzo. E' presidente di una società sportiva amatoriale.


Visualizza gli altri articoli di Roberto Nardi

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...