Bal A Versailles, ti ritroverò!

di Bettina Tesi

Bal A Versailles

Bal A Versailles

Una bottiglia bellissima, con la sua forma tondeggiante e il tappo importante, che sembra una corona, ma il contenuto si era ormai perduto chissà da quanto tempo, sicuramente mia madre lo aveva usato molto, e da come ne parlava, anche molto amato. Lei  se n’era appena andata, e quel flacone vuoto tra le mani, mi dava un senso di nostalgia difficile da descrivere. Scommisi con me stessa, lo avrei ritrovato, quel profumo, nato nel mio stesso anno, 1962, e avrei ricominciato a venderlo in negozio.

Una  fragranza che aveva segnato un’epoca, data la sontuosità del suo bouquet, talmente ricco di aromi floreali, legnosi, agrumati e aldeidati, che, in poche osavano indossare, se non per occasioni importanti. Un profumo rivoluzionario, come il suo creatore, Jean Desprez,  che aveva già al suo attivo un successo clamoroso come Crepe De Chine di Millot, azienda profumiera allora in gran voga tra le signore francesi.

Ho cercato e chiesto in giro, ma senza esito, chi fosse il referente italiano del marchio, nessuno ne sapeva niente, ma una sera, improvvisamente, lo trovai,  mentre stavo cercando altro. Chiamalo destino. Rivedere quelle belle scatole dorate,  e la bottiglia, fedele all’originale che avevo trovato in camera di mia mamma, fu un’emozione,  unita alla consapevolezza che Bal A Versailles è un profumo senza tempo, di una modernità incredibile, viste le tendenze olfattive degli ultimi anni, che hanno rivalutato i profumi cipriati e con aperture frizzanti di agrumi.

C’e’ un filmato, in Rete, che mostra l’indimenticato Michael Jackson, spruzzarsi ripetutamente Bal A Versailles durante un viaggio in auto, sembra che fosse il suo profumo preferito, come lo è della Regina Elisabetta II e della nostra leggendaria, meravigliosa attrice Valentina Cortese.
Per quel che mi riguarda, sono sempre più entusiasta di come, il canale della profumeria di nicchia, abbia riscoperto grandi tesori, che ci legano indissolubilmente alle storie della nostra vita, e di chi ci ha preceduti.

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...