Hockey Prato 1954, Giardi traccia il futuro

di Roberto Nardi

Massimiliano Giardi

Massimiliano Giardi

Con l’ultima partita della Confederation Cup è calato il sipario sulla stagione hockeystica e per il Prato 1954 è tempo di bilanci. «La stagione poteva andare meglio – spiega il presidente Massimiliano Giardi – l’entusiasmo di inizio sagione si è affievolito e abbiamo alternato durante la stagione prove positive ad altre negative. E’ stato un campionato difficile ma siamo consapevoli che in futuro potremo fare meglio».

In casa pratese si comincia già a pensare al futuro che non vedrà più Lorenzini nelle veste di allenatore dopo otto anni di panchina tra giovanili e prima squadra. «Credo che il mio ciclo sia finito – commenta Lorenzini – in ogni ambiente c’è bisogno di una scossa per far si che le motivazioni non vengano meno dopo molto tempo. Ho voglia di iniziare una nuova avventura con compiti diversi».

«Lorenzini resterà con noi – ribadisce il presidente Giardi – in un ruolo più prestigioso come vice presidente, direttore tecnico e coordinatore dell’attività giovanile. Per il nuovo allenatore abbiamo diverse soluzioni interne e sceglieremo insieme al consiglio ed alla disponibilità degli allenatori nei prossimi giorni». Sono diverse le candidature a partire da Roberto Raggioli ex giocatore e padre di Jacopo, attualmente in rosa e proprio dall’interno del gruppo gli altri due canditati come Tommaso Bianchi e Alessio Pacini che potrebbe ricoprire il doppio ruolo di allenatore giocatore.

Il presidente Giardi parla poi delle prospettive future della società biancazzurra. «Siamo in una fase di studio e di riorganizzazione, Abbiamo avviato dei corsi per avvicinare i bambini all’hockey – spiega Giardi – perchè solo curando i giovani possiamo creare un un futuro Made in Prato. Infatti fino al mese di agosto ogni mercoledì saremo all’Estraforum dalle 18:30 alle 19:30 per corsi di pattinaggio e hockey gratuiti, fornendo anche il materiale didattico e tecnico. Per quanto riguarda l’organico della serie B dal 1 agosto rientreranno nella nostra società diversi giocatori che negli ultimi due anni sono stati in prestito all’Hp Maliseti e per alcuni di loro ci sono offerte da squadre del campionato di A1 che valuteremo con ponderata attenzione, inoltre dovrebbe tornare con noi anche Enrico Bernardini, una bandiera dell’hockey pratese, quindi le prospettive per il fururo sono positive».

Roberto Nardi

Nato a Prato nel 1958, lavora come dipendente presso un'industria tessile. Da una decina di anni ha realizzato un sogno rimasto nel cassetto, quello di scrivere e raccontare le vicende dello sport pratese che segue con passione fin da ragazzo. E' presidente di una società sportiva amatoriale.


Visualizza gli altri articoli di Roberto Nardi

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...