Cessione Ac Prato, qualcosa si muove

di Roberto Nardi

Sembra che qualcosa di concreto possa essserci in merito alla cessione dell’A.C. Prato. La prossima, potrebbbe profilarsi come una settimana decisiva sul futuro dell’ultracentenaria società biancazzurra. Il sindaco di Prato Matteo Biffoni, ha già avuto nei giorni scorsi diversi incontri per illustrare i dettagli per la cessione della maggioranza azionaria del Prato. Incontri che hanno confermato l’interesse destato dalla disponibilità del presidente Paolo Toccafondi a cedere, a zero euro, al netto di debiti e crediti, la maggioranza azionaria della società.

Stadio Lungobisenzio, la curva tifosi Prato

Stadio Lungobisenzio, la curva tifosi Prato

Si respira un cauto ottimismo intorno a queste trattative, rigorosamente top secret. Sarebbero tre, quelle che hanno prodotto maggiore interesse con gli interlocutori che hanno richiesto alla segreteria del sindaco di approfondire la tematica chiedendo copia dei bilanci della società biancazzurra e anche il progetto di riqualificazione dell’area del Lungobisenzio.

«C’è molto interesse intorno al Prato – ha commentato il sindaco Biffoni – ci sono state tante richieste anche se alcune di queste non avevano i requisiti, ma alcune interessanti. Non possiamo fare nomi in questo momento per evitare di creare aspettative che potrebbero compromettere eventuali trattative».

Traspare fiducia nelle parole del primo cittadino, da sempre tifoso della squadra laniera, ma nei prossimi giorni sono attesi passaggi concreti. Secondo indiscrezioni pare si tratti di un gruppo con mediatori di Prato, una società con sede in Inghilterra e un gruppo del settore alimentare con sede in Campania.

Il sindaco Matteo Biffoni, attende risposte nella prossima settimana, per cercare di imprimere un accellarata alle trattative ed arrivare entro la prima settimana di giugno per avere qualcosa di concreto. Intanto, l’amministrazione comunale sta stringendo i tempi, per avere tutte le autorizzazioni necessarie per la messa a norma dello stadio Lungobisenzio che sarà pronto per la prossima stagione, un elemento indispensabile per un’eventuale richiesta di ripescaggio in serie C.

E’ svanito invece l’interesse del mediatore Sundas che giovedì scorso ha annullato il previsto incontro con l’amministrazione comunale adducendo il motivo che si sarebbero priviliegiati altri imprenditori e scritte troppe cose non vere e offensive sull’agenzia Sport Main che con un comunicato sposta ora la propria attenzione sul Cagliari, l’ennesima società di una lunga lista con trattative mai andate a buon fine.

C’e attesa tra i tifosi biancazzurri per una conclusione positiva delle trattative che potrebbe portare ad un cambio storico dopo quarant’anni di gestione targata Toccafondi.

Roberto Nardi

Nato a Prato nel 1958, lavora come dipendente presso un'industria tessile. Da una decina di anni ha realizzato un sogno rimasto nel cassetto, quello di scrivere e raccontare le vicende dello sport pratese che segue con passione fin da ragazzo. E' presidente di una società sportiva amatoriale.


Visualizza gli altri articoli di Roberto Nardi

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...