Terry de Gunzburg,  la Rosa nel cuore

di Bettina Tesi

Difficile sintetizzare in poche righe una vita straordinaria come quella di Terry De Gunzburg, creatrice del marchio By Terry.  Una vita costellata da incredibili coincidenze e inaspettate occasioni,  che ha portato Terry, prima a incontri e collaborazioni prestigiosissimi,  poi ad affermarsi come un brand esclusivo e simbolo del lusso, ma alla portata di moltissimi.

Terry de Gunzburg

Terry de Gunzburg

Nasce in Marocco, da genitori francesi, lascia presto gli studi di Medicina per intraprendere la Scuola di Estetica  delle sorelle Carita, ma è l’incontro con Yves Saint Laurent, anche lui di casa a Marrakesh, dove possiede una villa e un suggestivo giardino botanico, e che rimane affascinato dal senso del colore nell’inventare nuovi make-up, che lancia Terry nell’olimpo dei grandi creativi.

Una collaborazione che durerà 15 anni,  diventando l’esperienza decisiva che porterà Terry a creare il suo marchio di cosmetica e trucco, e dopo qualche anno, ad affacciarsi nel mondo dei profumi, grazie alla creatività dei più prestigiosi nasi di Grasse, che creeranno per lei le prime 5 fragranze, uscite in contemporanea.

La Rosa Damascena, la rosa bianca, la rosa pastello, diventano il cuore dei suoi profumi, e anche del prodotto di punta della sua linea cosmetica, il Baume de Rose.

La rilettura di una profumazione definita come quella della Rosa, accostata a note speziate o aromatiche come la Noce Moscata, il Vetiver e l’Ambra, consacrano le fragranze di Terry come le più sorprendenti  degli ultimi anni.  La Rosa Infernale, amatissima profumazione pepata che nasconde un’anima di Rosa del Marocco, il Terryfic Oud, la resina più preziosa  resa gentile e vellutata da un cuore di Rosa del Marocco, il Bleu Paradis, esaltazione della Rosa bianca, affiancata dall’esotico Litchi. O il sontuosissimo Delectation Splendide, la summa del glamour parigino, dove la onnipresente rosa si fa golosa con accenti di Mandorla,  Cannella, Vaniglia e Patchouli.

Alla prossima!

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...