Nuovo anno scolastico per nidi e scuole infanzia, l’incontro con gli insegnanti

di Redazione

insegnanti-170905-001-1Comincia oggi l’anno scolastico per gli oltre 100 insegnanti degli asili nido e delle scuole dell’infanzia comunali. Ad augurare buon lavoro a tutti sono stati stamani il sindaco di Prato Matteo Biffoni, l’assessore alla Pubblica Istruzione Mariagrazia Ciambellotti e l’assessore al personale Benedetta Squittieri. Presso lo spazio gioco di via Righi insegnanti e amministratori si sono incontrati per fare il punto della situazione alla partenza di un anno scolastico ricco di novità per la fascia 0-6.

L’anno educativo 2017/2018 vede impegnati nelle scuole comunali un numero sempre in crescita di insegnanti, con 106 persone a tempo indeterminato, delle quali 69 educatrici per i nidi e 37 insegnanti della scuola dell’infanzia,  a cui si aggiungono le 6 educatrici dei servizi integrativi (Spazio Gioco e Centro Bambini e Famiglie) con incarico annuale.

Dati frutto della politica di stabilizzazione e delle nuove assunzioni: «Crediamo fortemente nel sistema pubblico e per questo abbiamo fatto investimenti importanti per togliere il precariato con la stabilizzazione degli insegnanti – ha sottolineato in apertura l’assessore Ciambellotti -. Siamo orgogliosi del sistema 0-6 della città di Prato,  un’esperienza nata da un percorso che da anni ha portato un valore altissimo nella formazione dei più piccoli».

Il sindaco Biffoni ha puntualizzato sulla direzione seguita dall’Amminsitrazione rispetto alle scelte sulla scuola: «Quando ci siamo insediati in un’assemblea simile a quella di oggi ci trovammo costretti ad annunciare la sospensione dell’attività di 3 asili nido per carenza di iscrizioni.  Grazie a scelte di investimento, consentite anche da norme nazionali, abbiamo stabilizzato insegnanti garantendo maggiore continuità didattica e stamattina parliamo dell’apertura di un nuovo nido e un boom di iscrizioni ai nidi con un notevole aumento.

Questo è il riconoscimento alla valenza educativa delle nostre scuole e alla capacità di crescere cittadini migliori se affidati a professionisti di grande competenza. Il  merito va in gran parte a voi insegnanti che ogni giorno lavorate con i bambini, rendendo positiva  l’esperienza dei genitori nei nidi e nelle scuole dell’infanzia, oltre che alla nostra volontà di migliorare fortemente il sistema della scuola pubblica. Siamo sulla strada giusta, qualcosa sicuramente si può migliorare ma l’idea è di fornire un servizio valido e adeguato».

Il Comune ha deciso di continuare a investire anche per il prossimo anno: «La statalizzazione della scuola dell’infanzia di Vergaio non ha portato risparmi alle casse comunali, perché abbiamo deciso di continuare a investirci per accompagnare quest’anno il passaggio a garanzia della continuità didattica e apriamo nuovo nido a San Paolo – ha ribadito Biffoni -.  Il servizio pubblico non deve essere in discussione ma deve essere riferimento anche nel sistema integrato».

L’ assessore al Personale Benedetta Squittieri ha ricordato come i risultati raggiunti siano solo la tappa di un percorso più lungo: «Gli investimenti, la scelta del calendario più lungo fino a fine luglio, la politica di stabilizzazione del personale rientrano nell’idea di un nuovo percorso 0-6 che è al centro della discussione anche nazionale. Il confronto costante tra amministratori e insegnanti è il modo più proficuo per valutare insieme il modo migliore per far crescere sempre di più la scuola pubblica della nostra città».

Commenta l'articolo

Potrebbe interessarti anche ...